Secondo la dottrina e la giurisprudenza prevalenti, il bene protetto è costituito dall’ordine pubblico, che risulterebbe minacciato dalla sola esistenza dell’associazione per delinquere: gli associati, infatti, vengono “…per ciò solo…” puniti, cioè per il solo fatto di appartenere all’associazione, indipendentemente dalla commissione o meno dei delitti contemplati dal programma di delinquenza. Questo perché il semplice fatto di essere a conoscenza dell’esistenza di un’associazione per delinquere genera inevitabilmente “allarme sociale” ovverosia mette in pericolo la tranquillità e la pace pubblica. Come si può notare, ciò costituisce una vistosa eccezione al principio generale sancito dall’art. 115 c.p. secondo cui “Salvo che la legge disponga altrimenti…” non è punibile colui il quale si accorda allo scopo di commettere un reato, quando l’accordo non sia seguito dalla commissione del reato medesimo. Il legislatore penale del ’30 evidentemente ha ritenuto che la minaccia all’ordine pubblico derivante dall’esistenza stessa dell’associazione criminosa giustificasse l’anticipazione della soglia di punibilità al livello del pericolo costruendo così una tipica fattispecie di pericolo.

Annunci